TangoItalia

Fabrizio de André

L'altro Fabrizio - HOME - The other Fabrizio


 

A Cimma

Genovese dialect

'Â çímma

Ti t'adesciàe 'nsce l'èndegu du matin
ch'à luxe a l'à 'n pè ‘n tera e l'âtru in mà

ti t'ammiàe a ou spègiu de 'n tianin
ou cé ou s'ammià a ou spiegiu da ruzà

Ti mettiâe ou brûgu rèdennu'nte 'n cantùn

che se d'à cappa a sgûggia 'n cuxin-a à stria
a xeûa de cuntâ 'e pàgge che ghe sùn
'a cimma a l'è za pinn-a a l'è za cûxia

çè serèn tèra scûa
carne tènia nu fâte nèigra
nu turnâ dûa

Bell'oueggè strapunta de tûttu bun
prima de battezàlu 'ntou prebuggiun

cun dui aguggiuîn dritu 'n pùnta de pè
da sùrvia 'n zû fitu ti 'a punziggè
àia de lûn-a vègia de ciaêu de nègia

ch'ou cègu ou pèrde 'a tèsta l'àse ou sentè
oudù de mà misciòu de pèrsa lègia
cos'àtru fa cos'àtru dàghe a ou cè

çè serèn tèra scûa
carne tènia nu fàte nèigra
nu turnâ dûa
e 'nt'ou nùme de Maria
tûtti diài da sta pûgnatta
anène via

Poi vegnan a pigiàtela i câmè
te lascian tûttu ou fûmmu d'ou toêu mestè
tucca a ou fantin à prima coutelà
mangè mangè nu sèi chi ve mangià

çè serèn tèra scûa
carne tènia nu fàte nèigra
nu turnâ dûa
e 'nt'ou nùme de Maria
tûtti diài da sta pûgnatta
anène via.

 

Italian

La cima

Ti sveglierai sull'indaco del mattino
quando la luce ha un piede in terra e l'altro in mare

ti guarderai allo specchio di un tegamino
il cielo si guarderà allo specchio della rugiada

metterai la scopa dritta in un angolo

che se dalla cappa scivola in cucina la strega
a forza di contare le paglie che ci sono
la cima è già piena è già cucita.

Cielo sereno terra scura
carne tenera non diventare nera
non ritornare dura.

Bel guanciale materasso di ogni ben di Dio
prima di battezzarla nelle erbe aromatiche

con due grossi aghi dritti in punta di piedi
da sopra a sotto svelto la pungerai
aria di luna vecchia di chiarore di nebbia

che il chierico perde la testa e l'asino il sentiero
odore di mare mescolato a maggiorana leggera
cos'altro fare cos'altro dare al cielo.

Cielo sereno terra scura
carne tenera non diventare nera
non ritornare dura
e nel nome di Maria
tutti i diavoli da questa pentola
andate via.

Poi vengono a prenderla i camerieri
ti lasciano tutto il fumo del tuo mestiere
tocca allo scapolo la prima coltellata
mangiate mangiate non sapete chi vi mangerà

Cielo sereno terra scura
carne tenera non diventare nera
non ritornare dura
e nel nome di Maria
tutti i diavoli da questa pentola
andate via

 

English

The cima

When you wake up in the morning on the indigo
when the light has one foot in earth and the other at sea

You look in the mirror of a pan
put the broom upright in the corner

you will put the broom in a corner

If the witch slips from the hood in the kitchen
witch forced to count the straws that there are
the cima is already full is already sewn

Clear skies dark earth
tender meat does not turn black
do not to become hard

Nice mattress pillow of every gift of God
first to baptize her in aromatic herbs

with two large needles straight on tiptoe
from above to below you will quickly prick it
air of an old moon light fog

the cleric who loses his head and the donkey his path
smell of the sea mixed with light marjoram
what else to do what else to give to the sky

Clear skies dark earth
tender meat does not become black
do not to become hard
and in the name of Mary
all the devils from this pot
go away

Then the waiters come to take
they let all the smoke in your profession
It is for the bachelor the first stab
eat eat eat you do not know who will eat you

Clear skies dark earth
tender meat do not turn black
do not turn hard
and in the name of Mary
all the devils from this pot
go away

 

translation Enrico Massetti

A masterpiece in Genoese language of Fabrizio De André, written by Ivano Fossati. The song poetically describes the preparation of a dish of Liguria, the cima alla genovese.

L'altro Fabrizio - HOME - The other Fabrizio