TangoItalia

Fabrizio de André

L'altro Fabrizio - HOME - The other Fabrizio


 

Al ballo mascherato
At the masked ball

   
 

Cristo drogato da troppe sconfitte
cede alla complicità
di Nobel che gli espone la praticità
di un'eventuale premio della bontà.

Maria ignorata da un Edipo ormai scaltro
mima una sua nostalgia di natività,
io con la mia bomba porto la novità,
la bomba che debutta in società,
al ballo mascherato della celebrità.

Dante alla porta di Paolo e Francesca
spia chi fa meglio di lui:
lì dietro si racconta un amore normale
ma lui saprà poi renderlo tanto geniale.

E il viaggio all'inferno ora fallo da solo
con l'ultima invidia lasciata là sotto un lenzuolo,
sorpresa sulla porta d'una felicità
la bomba ha risparmiato la normalità,
al ballo mascherato della celebrità.

La bomba non ha una natura gentile
ma spinta da imparzialità
sconvolge l'improbabile intimità
di un'apparente statua della Pietà.

Grimilde di Manhattan, statua della libertà,
adesso non ha più rivali la tua vanità
e il gioco dello specchio non si ripeterà
"Sono più bella io o la statua della Pietà "
dopo il ballo mascherato della celebrità.

Nelson strappato al suo carnevale
rincorre la sua identità
e cerca la sua maschera, l'orgoglio, lo stile,
impegnati sempre a vincere e mai a morire.

Poi dalla feluca ormai a brandelli
tenta di estrarre il coniglio della sua Trafalgar
e nella sua agonia, sparsa di qua, di là,
implora una Sant'Elena anche in comproprietà,
al ballo mascherato della celebrità.

Mio padre pretende aspirina ed affetto
e inciampa nella sua autorità,
affida a una vestaglia il suo ultimo ruolo
ma lui esplode dopo, prima il suo decoro.

Mia madre si approva in frantumi di specchio,
dovrebbe accettare la bomba con serenità,
il martirio è il suo mestiere, la sua vanità,
ma ora accetta di morire soltanto a metà
la sua parte ancora viva le fa tanta pietà,
al ballo mascherato della celebrità.

Qualcuno ha lasciato la luna nel bagno
accesa soltanto a metà
quel poco che mi basta per contare i caduti,
stupirmi della loro fragilità,
e adesso puoi togliermi i piedi dal collo
amico che m'hai insegnato il "come si fa"
se no ti porto indietro di qualche minuto
ti metto a conversare, ti ci metto seduto
tra Nelson e la statua della Pietà,
al ballo mascherato della celebrità.

Christ addict to too many defeats
yield to the complicity
of a Nobel that exposes the convenience
of any award of excellence.

Maria ignored by a now wily Oedipus
mimics a nostalgia for her nativity,
I with my bomb bring the novelty,
the bomb that made its debut in society,
at the masked ball of the celebrity.

Dante's at the door of Paolo and Francesca
spying the ones who make love it better than him:
there behind you tells a normal love
but he will then make it so brilliant.

And the journey to hell now do it yourself
with your last envy left it there under a sheet,
surprise at the door of happiness
the bomb has spared the normal,
at the masked ball of the celebrity.

The bomb doesn't have a gentle nature
but driven by fairness
disrupts the improbable intimacy
an apparent statue of the Pieta.

Grimilde of Manhattan, the Statue of Liberty,
now no longer rivals your vanity
and the game of mirror will not be repeated
"am I more beautiful, or the statue of the Pieta"
after the masked ball of the celebrity.

Nelson ripped from his carnival
chases his identity
and looks for his mask, pride, style,
committed to always win and never die.

Then from the hat now in tatters
tries to pull the rabbit of his Trafalgar
and in his agony, sprinkled here and there,
also begs St. Helena jointly owned,
at the masked ball of the celebrity.

My father claims aspirin and affection
and stumbles in his authority,
relies on a dressing gown his latest role
but after he explodes, before his dignity.

My mother approves of shattered mirror,
she should accept with serenity the bomb,
martyrdom is her job, her vanity,
but now accepts only half to die
her share is still alive makes such pity,
at the masked ball of the celebrity.

Someone left the moon in the bathroom
turned on only half
that little that I need to count the dead,
amaze me of their fragility,
and you can now remove your feet from my neck
friend who taught me the "how to"
if not, I'll take you back a few minutes
I'll put you in conversation, you sit up there
between Nelson and the statue of the Pieta,
at the masked ball of the celebrity.

translation Enrico Massetti

Dall'album "Storia di un impiegato"

Questa canzone rappresenta il primo sogno, la prima esperienza onirica nella quale con l'esplosivo fa saltare tutte le maschere di ipocrisia ai simboli del potere. Qui il potere è espresso in tutte le sfaccettature della società borghese: culturali, parentali, politiche ed ideologiche, religiose etc. L'intento è quello di togliere la maschera agli ipocriti, delegittimare il potere e colpire le istituzioni.

Al ballo mascherato partecipano tutti i miti, tutte le autorità, i personaggi, i ruoli che hanno imposto all'impiegato un comportamento alienante e che, ora, vengono smascherati su un quasi beffeggiante ritmo swing. Lo sguardo passa su ognuno di questi personaggi, raggruppati senza badare alle differenze temporali e a quelle di luogo. Il primo è Cristo, mito della religione che tenta da sempre di imporre a tutti lo stesso comportamento. A lui non poteva che affiancarsi la madre, Maria, ormai insoddisfatta della propria maternità anormale.

Poi è il turno di Dante, il sommo poeta, ritratto come un guardone intento a spiare Paolo e Francesca, roso dall'invidia per un amore così umano e normale; di questi amanti Dante ha fatto un modello, cercando così di strapparli alla loro semplice felicità.

Dopo aver smontato anche il mito del colonialismo (l'ammiraglio Nelson), l'impiegato passa alla famiglia: il padre, sempre diviso tra l'affetto e l'autorità che la sua veste sociale gli impone e la madre, relegata a donna di casa e a non splendere di luce propria. Allo scoppio della bomba il padre esplode dopo, prima il suo decoro, mentre la madre, prima di morire, riesce perfino a provare pietà per la propria vita.

L'ultimo a morire è l'amico che mi hai insegnato il come si fa. Con la sua uccisione l'impiegato, in questo sogno, ha portato a termine la propria liberazione, si è ribellato perfino contro chi gli ha insegnato a ribellarsi, in realtà, ha compiuto anche l'estremo sacrificio sull'altare dell'individualismo, del quale ormai è vittima: anche se non se ne rende conto, ha già cominciato quel riavvicinamento al sistema che renderà vano ogni tentativo di ribellione.
[Matteo Borsani - Luca Maciacchini, Anima salva, pp. 85-86]


From the album "Story of a Clerk"

This song is the first dream, the first dream experience in which with explosives blew up all the masks of hypocrisy to the symbols of power. Here the power is expressed in all facets of bourgeois society : cultural, parental, political and ideological, religious etc . The intent is to remove the mask and the hypocrites, de-legitimize the power and hit the institutions.

The masked ball attended by all the myths, all the authorities, the characters, the roles they have imposed to a clerk an alienating behavior and that, now, are exposed on an almost mocking swing rhythm. The eye passes over each of these characters, grouped without regard to timing differences and those of place . The first is Christ, the myth of religion that always tries to impose on all the same behavior. He could not help but alongside his mother, Mary, now dissatisfied with her abnormal maternity.

Then comes the turn of Dante, the great poet, portrayed as a voyeur spying on Paolo and Francesca, green with envy for a love so human and normal, these lovers of Dante has made ​a model, trying to tear them off their simple happiness.

After dismantling the myth of colonialism ( Admiral Nelson), the clerk goes to the family, the father, always torn between his affection and authority that imposes its social role and the mother, relegated to a woman home role and who does not shine with its own light . At the outbreak of the bomb explodes after his father, before his decorum, while his mother, before he died, even manages to feel pity for her life .

The last to die is the friend who taught him the how. With its killing the clerk, in this dream, he completed his liberation, he rebelled even against those who taught him to rebel, in fact, it has also made ​the ultimate sacrifice on the altar of individualism, which now is a victim : even if you do not realize, that reconciliation has already begun the system that will make any attempt of rebellion.
[Matthew Borsani - Luca Maciacchini, Soul saves, pp . 85-86 ]

L'altro Fabrizio - HOME - The other Fabrizio