TangoItalia

Fabrizio de André

L'altro Fabrizio - HOME - The other Fabrizio


 

Mégu megún (Medico Medicone)
DOCTOR BIG DOCTOR

Genovese dialect

E mi e mi e mi
anâ anâ
e a l'aia sciurtî
a suâ suâ
e ou coêu ou coêu ou coêu
da rebell â
fin a piggiâ piggiâ
ou trén ou trén.

E 'nta galleria
génte 'a l'intra au scûu
sciórte amarutia
loêugu de 'n spesi á
e 'ntu stréitu t'aguéitan
te dumá ndan chi t'è
a sustànsa ou e mesté
che pe' liatri ou viaggiá ou nu l'é
poi te túcca 'n purté lepegúsu
e 'na stánsia lûvega
e 'nte l'âtra stánsia
ê bagásce a dâ ou menû
e ti cu'na quâe che nu ti voêu
a tiâ a Bibbia 'nta miágia
serrâ a ciàve ánche ou barcún
e arensenite súrvia ou coêu.

Uh mégu mégu mégu mè megún
Uh chin-a chin-a zû da ou caregún.

'Na caréga dûa
nésciu de ' n turtà
'na fainà ch'a sûa
e a ghe manca 'a sâ
tûtti sûssa résca
da ou xátta in zû
se ti gii 'a tèsta
ti te véddi ou cû

e a stâ foêa gh'è ou repentin
ch'a te túcche 'na pasciún
pe 'na fàccia da madònna
ch'a te spósta ou ghirindún
ûn amú mai in esclusiva
sémpre cun quarcósa da pagâ
na scignurin-a che súttu â cúa
a gh'a ou gárbu da scignúa.

Uh mégu mégu mégu mè megún
Uh chin-a chin-a zû da ou caregún

Uh!... che belin de 'n nólu che ti me faiésci fâ.
Uh!... ch'a sún de piggiâ de l'aia se va a l'uspià.

E mi e mi e mi
nu anâ nu anâ
stâ chi stâ chi stâ chi
durmî durmî
e mi e mi e mi
nu anâ nu anâ
stâ chi stâ chi stâ chi
asûnáme.

 

Italian

E io e io e io
e andare andare
e uscire all'aria
sudare sudare
e il cuore il cuore il cuore
da trascinare
fino a prendere a prendere
il treno il treno.

E nella galleria
la gente entra al buio
esce ammalata
cesso d'un farmacista
e nello stretto ti guardano
ti domandano chi sei
il patrimonio e il mestiere
che per loro il viaggiare non lo è
poi ti tocca un portiere viscido
e una stanza umida
e nell'altra stanza
le bagasce a dare il menù
e tu con una voglia che non vuoi
a tirare la Bibbia nel muro
chiudere a chiave anche la finestra
e a ciambellarti sopra il cuore.

Uh medico medico medico mio medicone
Uh vieni vieni giù dal seggiolone.

Una sedia dura
scemo di un tortaio
una farinata che suda
e le manca il sale
tutti succhiatori di lische
dal pappone in giù
se giri la testa
ti vedi il culo.

E a star fuori c'è il rischio
che ti tocchi una passione
per una faccia da Madonna
che ti sposta il comò
un amore mai in esclusiva
sempre con qualcosa da pagare
una signorina che sotto la coda
ha il buco da signora.

Uh medico medico medico mio medicone
uh vieni vieni giù dal seggiolone

uh!... che cazzo di contratto mi faresti fare
uh!... che a forza di prendere aria si va all'ospedale.

E io e io e io
non andare non andare
stare qui stare qui stare qui
dormire dormire
e io e io e io
non andare non andare
stare qui stare qui stare qui
sognare.

English

And I and I and I
and to go to go
and to move to fresh air
to sweat to sweat
and the heart the heart the heart
to drag
up to take to take
the train the train.

And in the gallery
people enter in the dark
gets out sick
toilet of a pharmacist
and in the narrow they look at you
they ask you who you are
your heritage and your craft
that for them the travel is not it
then you get a slimy doorman
and a wet room
and in the other room
the whores to give the menu
and you with a desire that you do not want
to pull the Bible into the wall
alsoto lock the window
and to making rubber rings above the heart.

Uh doctor doctor doctor my big doctor
Uh come come down from the high chair.

A hard chair
fool of a cake maker
a porridge sweating
and missing the salt
all suckers of bones
from the pimp down
if you turn your head
you see your ass.

And to stay out there is the risk
that ou get a passion
for a face like a Madonna
that moves your dresser
a love never exclusive
always with something to pay
a young lady who under the tail
has the hole of a lady.

Uh doctor doctor doctor my big doctor
uh come come down from the high chair

uh! ... What the fuck of a contract would you sign with me
uh! ... that by dint of taking the air you go to the hospital.

And I and I and I
do not go do not go
stay here stay here stay here
to sleep to sleep
and I and I and I
do not go do not go
stay here stay here stay here
to dream.

Mi piace molto stare a letto a leggere e a scrivere, barricato in camera.
[In Doriano Fasoli, Fabrizio De André. Passaggi di tempo, p. 69]

* * * *

In genovese significa "medico medicone" ed è la lunga lamentela di un ammalato immaginario contro il suo medico, colpevole di volerlo far alzare dal letto. A spaventare il povero ipocondriaco è il contatto con la gente, la gente che fa domande, la gente sporca, la gente pronta a rubare i soldi con qualche stratagemma, la gente che, naturalmente, attacca le malattie. Il tono è cupo, addirittura in un passaggio della canzone si riproduce il respiro affannoso del malato. Alla fine il paziente deciderà che per lui è meglio non uscire, e resterà, come un Oblomov, prigioniero del suo letto, intento a sognare magari una società meno pericolosa che nella realtà.
[Matteo Borsani - Luca Maciacchini, Anima salva, p. 149]


I really like to stay in bed to read and write, barricading myimself in the room.
[In Dorian Fasoli, Fabrizio De André. Time passes, p. 69]

* * * *

In Genoese means "doctor big doctor" and is a long complaint of an imaginary sick against his doctor, guilty of wanting to get him out of bed. To scare the poor hypochondriac is the contact with the people, the people who ask questions, the dirty people,the people ready to steal money with some stratagem, the people, of course, that attach the diseases. The tone is gloomy, even in a passage of the song plays the labored breathing of the patient. Eventually the patient will decide that it is better for him not to go out, and he will remain, as a Oblomov, a prisoner of his bed, intent on dreaming a society perhaps less dangerous than in reality.
[Matthew Borsani - Luca Maciacchini, Soul saves, p. 149]

translation Enrico Massetti

L'altro Fabrizio - HOME - The other Fabrizio